Articoli

Riaperti fino al 30 giugno 2019 i termini per la rivalutazione di quote e terreni

La Legge di Bilancio 2019 ha riaperto i termini per la rivalutazione delle quote e dei terreni, consentendo ai contribuenti che non operano in regime d’impresa di sottrarsi all’imposizione diretta delle plusvalenze maturate.

La disposizione riguarda i beni posseduti al 1° gennaio 2019 e potrà essere attivata fino al 30 giugno 2019 facendone asseverare il valore con perizia e versando entro lo stesso termine anche la prima o unica rata di imposta sostitutiva.

L’imposta sarà pari al 10% per le partecipazioni non qualificate per le aree, e dell’11% per le partecipazioni qualificate.

Rivalutazione terreni e quote anche per il 2017

È confermata la possibilità di rideterminare il costo d’acquisto di terreni edificabili e agricoli posseduti a titolo di proprietà, usufrutto, superficie ed enfiteusi e partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute a titolo di proprietà o usufrutto alla data dell’1.1.2017, non in regime d’impresa, da parte di persone fisiche, società semplici e associazioni professionali, nonché di enti non commerciali.
Chi intende effettuare la rivalutazione dovrà, entro il 30.6.2017, far redigere ed asseverare la perizia di stima e provvedere al versamento dell’imposta sostitutiva, pari all’8%.