Niente plusvalenze per cessioni a valore inferiore a quello rivalutato

Il contribuente che ha venduto terreni edificabili rivalutati, pagando l’imposta sostitutiva del 4% sull’intero valore periziato, non ha conseguito alcuna plusvalenza se il valore dichiarato nell’atto è inferiore a quello rivalutato. Per il calcolo della plusvalenza, ai fini delle imposte dirette, si deve fare sempre riferimento al valore rivalutato, che rileva quale valore minimo di […]

Lo “split payment” non si applica ai professionisti soggetti a ritenuta

Una delle richieste più frequenti che ci pervengono da parte dei clienti riguarda l’applicabilità della scissione dei pagamenti, c.d. split payment, per le prestazioni rese ad Enti pubblici da professionisti soggetti alla ritenuta d’acconto. Sul tema si è espressa l’Agenzia delle Entrate, che con circolare 6/E del 2015, a seguito di richiesta effettuata dal Consiglio […]

Ordini professionali e fattura elettronica: istruzioni per l’uso

A partire dal 31 marzo 2015 l’Ordine professionale riceverà obbligatoriamente le fatture elettroniche attraverso il Sistema di Interscambio.L’Ordine potrà scegliere se ricevere direttamente il file o avvalersi di un soggetto intermediario. Questi gli adempimenti per poter attivare il sistema di ricezione della fattura elettronica: 1. Accreditamento del canale utilizzato per la ricezione L’Ordine professionale deve procedere all’accreditamento del […]

Obbligo di fattura elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione

La fattura elettronica è la sola tipologia di fattura accettata dalle Pubbliche Amministrazioni che sono tenute ad avvalersi del Sistema di Interscambio. La fattura elettronica deve avere le seguenti caratteristiche: il contenuto è rappresentato, in un file XML (eXtensible Markup Language), secondo il formato previsto per la vattura PA,  unico accettato dal Sistema di Interscambio. l’ autenticità […]

Fattura elettronica anche nei confronti degli Ordini professionali

E’ applicabile anche agli Ordini professionali la disciplina che impone l’obbligo di emissione della fattura elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione previsto dall’articolo 1, commi 209-214 della Legge 204/2007. Lo ha stabilito il Ministero dell’Economia e delle Finanze con nota 1858 del 27.10.2014 indirizzata alla Federazione degli Ordini dei Medici Chirurgi ed Odontoiatri. La disciplina […]

Resta al 27% il contributo alla gestione separata – Conversione D.L. n. 192/2014 (“Milleproroghe”)

Non si applica nel 2015 l’aumento al 30% dei contributi per i professionisti “senza cassa”, iscritti alla Gestione separata INPS, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria, né pensionati. La misura della contribuzione dovuta rimane, pertanto, confermata in misura pari al 27%.

Proroga regime dei minimi per il 2015 – Conversione D.L. n. 192/2014 (“Milleproroghe”)

E’ prorogata per tutto il 2015 la possibilità di opzione per il regime dei minimi, che prevede il pagamento di una  imposta sostitutiva al 5% e soglia di ricavi a 30.000 euro, in alternativa rispetto al nuovo regime forfetario introdotto dalla legge di Stabilità 2015.  

Indeducibile le spese per la casa-ufficio in presenza di altro ufficio nel Comune

La Commissione tributaria regionale della Lombardia ha affermato che sono indeducibili i costi della casa-studio nel caso in cui il professionista collabori con uno studio con sede nello stesso Comune.   Sentenza CTR Milano 15.12.2014, n. 6975  

Lavoro autonomo occasionale

Treviso, 16 gennaio 2015 Oggetto: lavoro autonomo occasionale. . Ho letto la Circolare del Centro Studi che mi trova pienamente d’accordo sulle conclusioni, anche se non pienamente sulla costruzione logico-giuridica, in quanto secondo me confonde in parecchi punti i concetti di “prestazione occasionale” e di “collaborazione occasionale”, a mio parere sostanzialmente diversi. La Circolare citata, […]

Deroga all’obbligo della contribuzione minima

INARCASSA Deroga all’obbligo della contribuzione minima Inarcassa prevede la possibilità di derogare all’obbligo della contribuzione minima soggettiva per un massimo di 5 anni – anche non continuativi – nell’arco della vita lavorativa, per chi produce redditi inferiori al valore corrispondente al contributo minimo soggettivo. Architetti ed ingegneri che prevedono di conseguire un reddito professionale inferiore […]