Proroga detrazioni per ristrutturazioni e riqualificazione energetica

Legge di stabilità 2015

Proroga detrazioni per ristrutturazioni e riqualificazione energetica

Sono stati prorogati fino al 31.12.2015 le detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica rispettivamente nella misura del 50 e del 65 per cento.
Confermata anche la detrazione per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, con una precisazione: le spese «sono computate, ai fini della fruizione della detrazione di imposta, indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione che fruiscono delle detrazioni». In definitiva, le spese da portare in detrazione per l’acquisto dell’arredo possono anche superare quelle di ristrutturazione alle quali il bonus mobili è legato.

Erogazioni liberali Onlus

Legge di stabilità 2015

Erogazioni liberali Onlus

Elevato da 2.065 a 30.000 euro annui l’importo massimo sul quale spetta la detrazione del 26% per le erogazioni liberali in denaro a favore delle ONLUS e adeguato a 30.000 euro l’importo massimo deducibile a fini IRES.

Rivalutazione terreni e partecipazioni

Legge di stabilità 2015

Rivalutazione terreni e partecipazioni

Riaperti i termini per la rivalutazione contabile di terreni agricoli ed edificabili e partecipazioni in società non quotate.
Si consente in particolare di rivalutare anche i terreni e le partecipazioni posseduti al 1° gennaio 2015; il termine di versamento dell’imposta è fissato al 30 giugno 2015 (ove si opti per la rata unica; altrimenti, è possibile effettuare il versamento in tre rate annuali di pari importo); la perizia di stima dovrà essere redatta ed asseverata entro il 30 giugno 2015.
Inoltre, si raddoppia l’aliquota dell’imposta sostitutiva applicabile alla rivalutazione contabile di terreni agricoli ed edificabili e partecipazioni in società non quotate, i cui termini sono stati prorogati al 2015. Tale aliquota è innalzata dal 4% all’8% per la rivalutazione di terreni e di partecipazioni qualificate, e dal 2% al 4% per le partecipazioni non qualificate.
31.12.201