L’opzione per il regime ordinario svincola il contribuente dall’imponibile ai fini dell’imposta sugli intrattenimenti

Il contribuente che assoggettato al regime IVA speciale previsto dall’articolo 74 del DPR 633/1972 che opta per il regime ordinario è svincolato dall’imponibile determinato ai fini dell’imposta sugli intrattenimenti. Lo ha affermato la sentenza della CTR di Venezia, dopo che la Cassazione aveva cassato con rinvio una decisione di senso inverso.

CTR Venezia, sentenza 27 marzo 2015, n. 11/3/15

Nell’accertamento induttivo il campione scelto deve rappresentare la realtà del contribuente

L’accertamento induttivo non costituisce una sanzione impropria a carico del contribuente, ma deve essere indirizzato alla ricerca della sua capacità contributiva.

La determinazione del reddito in base ad un campione di contribuenti esercenti la stessa attività, deve indagare soggetti aventi caratteristiche analoghe al soggetto accertato: la considerazione di un universo troppo ampio non è garanzia di equità e può portare a risultati non rispecchianti la capacità contributiva.

CTR Veneto, sentenza 24 marzo 2015, n. 563/30/15

Nella ricostruzione induttiva dei ricavi il giudice deve tener conto delle ore non fatturabili dall’artigiano e di un ricarico adeguato al mercato

La CTP di Treviso ha rideterminato l’ammontare del reddito accertato all’artigiano in base al numero di ore lavorate ed al ricarico sui prodotti acquistati.

Il giudice ha ritenuto congrue 6 ore fatturabili al giorno ad un prezzo orario di Euro 23,00, ulteriormente ridotto del 10%. Il ricarico sui prodotti installati è stato rideterminato in misura del 15%.

CTP Treviso, sentenza 24 febbraio 2015, n. 193.8.15

 

L’emissione di fatture intestate alla società estinta va contestata all’autore della violazione

Nel caso di emissione di fatture con intestazione alla società estinta è nullo l’avviso di accertamento inviato alla società o al socio quale prosecutore di una società oggetto di trasformazione involutiva. L’avviso di accertamento va intestato all’effettivo autore della violazione.

Sentenza CTR Venezia 13.02.2015, n. 376/30/15

 

Medico convenzionato con due studi: Irap da restituire

Non realizza i requisiti di autonomia e di organizzazione il medico convenzionato con il SSN che disponga, al solo fine di agevolare la clientela, di due studi nello stesso Comune.

CTR Venezia, sentenza 10 febbraio 2015, n. 344/07/15.

Obbligo di contraddittorio anche nell’accertamento parziale

Anche nel caso di accertamento parziale è ravvisabile il diritto del contraddittorio del contribuente: la mancanza determina la nullità dell’atto. L’attività intramoenia del medico specialista convenzionato è attratta al reddito di lavoro autonomo.

Sentenza CTP Treviso 02.12.2014, n. 877

Arretrati assegno di mantenimento: tassazione separata

Gli arretrati dell’assegno di mantenimento, nonostante siano corrisposti in unica soluzione, mantengono natura reddituale e vanno tassati a tassazione separata.

Sentenza CTR Venezia 07.11.2014, n. 2036

Sono costi inerenti l’attività i contributi repertoriali versati dai notai

Il contributo repertoriale versato dai notai è un costo inerente l’attività ed è pertanto deducibile dal reddito dell’attività professionale e non come generico onere deducibile. Ne consegue che il versamento può essere dedotto dall’imponibile Irap (Sentenza CTP Treviso, 21 ottobre 2014, n. 781).

 

La sentenza relativa all’accertamento sulla società impugnato da un socio ha effetto anche sul socio che l’ha impugnato autonomamente

Nel caso di società estinta destinataria di un avviso di accertamento, la sentenza passata in giudicato emessa a seguito dell’impugnazione autonoma da parte di un socio ha effetto anche nel giudizio intentato da altro socio.

Sentenza CTR Venezia 09.06.2014, n. 1006

Sentenza CTR Venezia 24.03.2014, n. 1093

Nullo l’avviso di accertamento se la delega di firma è generica ed impersonale

E’ nullo l’avviso di accertamento firmato per delega da un impiegato della funzione direttiva quando la delega è generica ed impersonale.

Sentenza CTP Treviso 17.02.2014, n. 0703